Elaborazione dati in corso…

Atitur

Porto
Alle origini del regno

Viaggio su Misura

Alle origini del regno

Fly and Drive

DURATA: 9 notti con partenze libere

Novità

Hotel 3* / 4* / Charme / Pousada

da € 976 per persona

Da nord a sud, questo itinerario attraversa il Portogallo e fa tappa in tutte le località che offrono i maggiori e migliori contenuti storici, artistici e culturali del paese. Il nostro viaggio segue anche la storia dei primi Re portoghesi, artefici della nascita del regno, dell’indipendenza dalla Spagna e della difesa del territorio dalle incursioni dei Mori. Storie, leggende e narrazioni si uniscono alla complessa evoluzione dei cavalieri Templari e dell’Ordine di Cristo, che in Portogallo giocarono un ruolo primario fino al periodo delle Grandi Conquiste.

Gallery

INFO UTILI E NOTE DI VIAGGIO Programma di viaggio
Condividi sui social
giorno01
ITALIA / PORTO

Volo di linea per Porto, ritiro dell'auto a noleggio, trasferimento in hotel e pernottamento.

Veduta panoramica di Porto e del quartiere della Ribeira
giorno02
PORTO

Giornata dedicata alla visita della città di Porto che della sua origine romana conserva la caratteristica forse più evidente, cioè l'estendersi sulle due rive contrapposte del fiume Douro come se si trattasse di due città diverse, ciascuna con il proprio volto, collegate da ponti in metallo lunghi ed altissimi, quasi aerei. Sulla riva destra troviamo il centro storico, gli edifici più antichi e il quartiere della Ribeira, con le tipiche facciate policrome affacciate sul fiume. Sulla riva sinistra si estende Vila Nova de Gaia, il cui tessuto cresce intorno alle decine di cantine di vino porto. Pernottamento in hotel a Porto.

Guimaraes
giorno03
GUIMARAES E BRAGA (km 150 ca)

Fino al 1100, il re di Spagna regnava anche sui territori portoghesi. Fu Alfonso IV di Castiglia ad affidare la regione del Portogallo settentrionale a suo genero Enrico di Borgogna, e quest'ultimo si stabilì a Guimaraes ed ebbe come figlio colui che a metà del XII secolo divenne il primo Re del Portogallo con il nome di Alfonso I Henriquez detto il Conquistatore. Ecco quindi perché Guimaraes rappresenta la culla del Portogallo moderno; ma al di là delle implicazioni storiche, Guimaraes è e rimane una delle più belle città d'arte del paese (capitale europea della cultura nel 2012), con un centro storico molto ben conservato e dominato dal colle sul quale si trovano un antico castello, una pieve e il Palazzo dei Duchi di Bragança. Rientrando a Porto si può fare tappa a Braga, la città che conserva la più antica cattedrale del paese, e a Barcelos, patria del galletto in ceramica simbolo del paese. Pernottamento in hotel a Porto.

Il centro storico di Coimbra
giorno04
PORTO / COIMBRA (km 120)

Partenza verso Coimbra, romantica, caratteristica e ricca di storia. Qui Alfonso I trasferì ben presto la capitale del regno, e vi rimase per circa un secolo, periodo determinante per la nascita di un nuovo spirito nazionale e per lo sviluppo socio-economico del neonato paese. Coimbra fu anche, ed è tuttora, sede della più prestigiosa ed antica università del paese. Dopo essersi persi fra i vicoli del centro, nelle sale e nella biblioteca dell'Università, si può andare al parco della Quinta das Lagrimas, un vero e proprio orto botanico di 16 ettari, e conoscere la tragica e romantica storia di Re Pedro I e della sua amante Dona Ines.

Monastero di Alcobaca
giorno05
COIMBRA / ALCOBACA (km 115)

Nel tragitto che da Coimbra porta alla regione di Lisbona, visitiamo Pombal, con le rovine del castello voluto da Gualdim Pais, gran maestro dell'Ordine dei Templari e figura chiave nella storia portoghese. Proseguendo verso sud si fa tappa a Batalha, sulla cui piazza si erge la chiesa di Santa Maria della Vittoria, dedicata la battaglia che nel 1385 assicurò ai portoghesi la rinnovata indipendenza dagli spagnoli. Concludiamo la giornata ad Alcobaça, dove Alfonso I Henriquez (ancora lui!) fece costruire il magnifico monastero gotico e vi insediò una comunità di monaci cistercensi con l'intento di colonizzare e controllare le terre circostanti, come sempre in funzione della difesa dei confini dall'invasione dei mori. Decine le soluzioni per pernottare in zona, al mare, in città o in ambiente rurale.

Veduta panoramica, dalle mura medievali, di Obidos
giorno06
NAZARE' ED OBIDOS (km 100 ca)

Giornata per “staccare la spina”: ci muoviamo con calma nei dintorni, senza cambiare albergo. Mattinata per guardare le onde dell'oceano dall'alto del centro antico di Nazaré, pranzo a base di pesce freschissimo e passeggiata pomeridiana nel romantico villaggio medievale di Obidos.

Esterno della chiesa, all'interno del Covneto di Cristo a Tomar
giorno07
ALCOBACA / FATIMA / TOMAR (km 90)

Possibile tappa a Fatima e via verso Tomar, fulcro del nostro viaggio sulle orme dei Templari. Il Convento di Cristo, patrimonio UNESCO, fu la principale roccaforte dei Templari nel XII secolo. Edificio civile e religioso, sorta di monastero-fortezza, racconta in modo mirabile la complessità sociale dell'Ordine, i cui cavalieri erano spesso anche monaci ed erano gli unici autorizzati a presentarsi in chiesa in sella al cavallo. L'architettura, i decori, gli spazi, l'ubicazione: tutto a Tomar è fascino, bellezza e mistero. Pernottamento in hotel o nella pousada poco distante.

Castello di Almourol
giorno08
TOMAR / LISBONA (km 165)

In mattinata partenza verso Lisbona con una deviazione lungo il Tago per arrivare fino ad Almourol, l’ultimo dei manieri templari eretto sul confine naturale - il fiume appunto - fra il nord ispano-portoghese ed il sud conquistato o minacciato dai Mori. Il castello, oggi in rovina, fu un vero baluardo, costruito in un luogo scenografico, in cima a un’isola nel fiume, e raggiungibile con una imbarcazione. Arrivo a Lisbona nel pomeriggio; visita a piedi dei quartieri del centro storico e del Lisboa Story Center che offre una panoramica storico-sociale della città. Pernottamento in hotel a Lisbona.

Lisbona, Torre di Belem
giorno09
LISBONA E L'EREDITA' DEI TEMPLARI

Mattinata dedicata alla visita guidata in italiano della città. Pomeriggio a disposizione per approfondire in autonomia la visita del centro, per degustare in relax qualche prodotto tipico o per visitare la moderna zona di Oriente.

giorno10
LISBONA / ITALIA

Trasferimento in aeroporto, rilascio dell’auto a noleggio e partenza per l’Italia.